Cosa vedere a Trieste in un giorno (e mezzo!)


Europa, Italia / martedì, novembre 28th, 2017

Pensare a Trieste equivale un po’ a pensare all’estero. Sta lì su, lontana da tutto, immersa in un’atmosfera che sembra non appartenerci. E allora quale miglior modo di far crollare ogni dubbio se non visitare questa città sorprendente? Noi ci siamo state un giorno e mezzo durante una calda estate italiana.

Vieni a scoprire le bellezze triestine!


Camminare per le vie di Trieste per far innamorare lo sguardo

Trieste è una città abbastanza piccola, conta poco più di 200mila abitanti, sulla cartina geografica è una striscia di terra che affaccia sul mare ed è a pochi passi dalla Slovenia (di cui abbiamo parlato qui). Abbiamo messo piede in questo luogo misterioso con tanta curiosità e un po’ di dubbi, spariti subito dopo l’inizio della nostra perlustrazione! Pronto/a? C’mon!

1) Castello e Cattedrale di San Giusto

Trieste2017 (13)
Rovine alle pendici del Castello di San Giusto

È uno dei simboli della città e svetta indisturbato su un colle raggiungibile a piedi, con i mezzi pubblici o con la macchina. Nel II secolo a.C., i Romani stanziarono qui il centro di un loro accampamento creando tutt’intorno una vera e propria colonia militare. Con il passare degli anni, il sito iniziò ad ingrandirsi e vide sorgere gli edifici più importanti della società romana del tempo, inclusa una basilica (che diventerà poi la Cattedrale di San Giusto). Ma è durante le guerre tra Trieste, Venezia e l’Austria che questa zona diventa di nevralgica importanza: il colle diventa custode di una fortezza, della Casa del Capitanio, di una base strategica militare, di una caserma e anche di una prigione. L’evoluzione degli edifici sul colle Capitolino si trascina dietro una storia incredibile.
Potrai ammirare molte fasi storiche visitando il sito del Castello di San Giusto: resti del passaggio dei romani, delle mura di fortificazione, delle celle di prigionia: tutto è stato restaurato e messo a disposizione del visitatore. Non perdere il panorama dal corridoio esterno che corre lungo le mura!

2) Parco della Rimembranza

Trieste2017 (7)
Statua alla memoria

Ricordare ciò che è avvenuto in passato è un grande valore che andrebbe sempre onorato. Questo grande parco è stato inaugurato per portare alto il ricordo delle vittime triestine di guerra. Scendendo dal Castello di San Giusto, ti ritroverai direttamente nel grande parco, riconoscibile dalle pietre carsiche sulle quali sono scritti i nomi dei caduti di guerra. Il silenzio che si percepisce sui sentieri sterrati di questi giardini è penetrante e, forse, è giusto così. Si può raggiungere il Parco della Rimembranza anche dal basso, attraverso l’imponente (e faticosa!) Scala dei Giganti che parte in Piazza Goldoni.

3) Darsena – Chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Taumaturgo

Trieste2017 (91)
Vista dal fondo della Darsena

Questo è un angolo delizioso di Trieste: una striscia d’acqua di mare che entra nella città e culla le barche attraccate ai suoi bordi, il sole che sbrilluccica tra le piccole increspature dell’acqua, lo sfondo sulla Chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Taumaturgo. Tutto sembra creare una sceneggiatura per un atto teatrale. Fermati ad ascoltare il movimento del mare, l’assenza dei bagnanti rumorosi e il passaggio furtivo di gabbiani attirati dai pesciolini che sguazzano tra la Darsena e il vicino mare aperto.

4) Molo Audace

Trieste2017 (109)
Molo Audace

246 metri di molo in pieno centro cittadino. Eh sì, perché il Molo Audace si trova a pochissimi metri dalla piazza principale di Trieste ed è uno dei punti migliori per godersi l’orizzonte marino che caratterizza la città. In un primo momento, il nome del molo era Molo San Carlo, in onore della nave omonima affondata proprio nel porto di Trieste. Ti chiederai allora da dove deriva il nome attuale; te lo diciamo immediatamente! Terminata la Prima Guerra Mondiale, un cacciatorpediniere della Marina Italiana chiamato Audace entrò per primo al Molo San Carlo che, di fatto, perse questo nome in favore del nuovo.
Oggi il molo è un polo d’attrazione e un punto di attracco per barche private e da competizione. Alcune di queste, inoltre, partecipano alla Barcolana, una regata annuale che si tiene la seconda domenica di Ottobre a Trieste.

Trieste2017 (88)
Molo Audace

5) Piazza Unità d’Italia

Il nome deriva dall’annessione di Trieste al Regno d’Italia, avvenuta nel 1918. Pensa che proprio questa è la piazza con affaccio sul mare più estesa d’Europa! Qui potrai ammirare la splendida Fontana dei Quattro Continenti, a simboleggiare l’incontro di culture che fa di Trieste un’importante città mitteleuropea, che dialoga con il mare aperto. Di sera, Piazza Unità d’Italia si illumina grazie a tante piccole lucette site a terra che creano un gioco di percezioni davvero unico

Trieste2017 (72)
Vista dal fondo di Piazza Unità d’Italia

6) Castello di Miramare

A circa 10 kilometri dal centro di Trieste, si trova il Castello di Miramare: un gioiello a picco sul mare sul promontorio di Grignano. La costruzione risale alla metà dell’Ottocento; i suoi committenti furono Ferdinando Massimiliano D’Asburgo e Carlotta del Belgio. L’interno è completamente intatto e offre uno spaccato reale di una dimora nobiliare del tempo. L’edificio è immerso in un grandissimo parco ricco di vegetazione di ogni genere; infine, un panorama mozzafiato sul mare completa un perfetto sogno ad occhi aperti

TriesteMiramare2017 (3)
Vista dell’ingresso al Castello sul mare
TriesteMiramare2017 (20)
Il castello e parte del giardino

Ecco qui le nostre pillole triestine, un articolo breve e (speriamo) efficace per mostrare la bellezza di una città spesso poco conosciuta.
Facci sapere se ti è piaciuto ciò che abbiamo scritto lasciando un commento: siamo sempre felici di risponderti!

PS: quasi stavamo dimenticando! Abbiamo trovato un ristorantino incredibile vista mare dove abbiamo mangiato un crudo strepitoso: The Pier. Si trova vicino Eataly e merita davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *