Cosa c’è nei dintorni? Madrid 4.0


Europa, Spagna / lunedì, agosto 7th, 2017

Pensavi di esserti liberato per sempre delle mie chiacchiere su Madrid e invece ti sbagliavi! Però tira un bel sospiro di sollievo perché oggi non ti parlerò della capitale spagnola bensì di cosa vedere nei dintorni madrileni in una giornata!


ALCALA DE HENARES

Alcala de Henares
Plaza de Cervantes
Un paesino a circa 30 km da Madrid, facilmente raggiungibile grazie al servizio Cercanias di Madrid (linea C-2 o C-7). Svegliati con calma, prendi la macchina fotografica, il taccuino e la musica e corri a visitare la città natale di Miguel de Cervantes. Alcalà de Henares è un luogo intriso di storia e tradizioni; arrivando nel centro della cittadina si respira un’aria ricca di avventura e sembra quasi di vedere il prode Don in groppa al suo fedele asino. Tutto è a misura d’uomo e, per questo, non serve avere fretta. Come prima tappa, fai quattro passi in Plaza de Cervantes: rose di tutti i colori inonderanno i tuoi occhi e la tranquillità della piazza di paese ti metterà subito a tuo agio. Qui, alzando lo sguardo, potrai vedere tantissimi nidi di cicogne sugli edifici limitrofi! A pochi metri dalla piazza, troverai il grande complesso universitario di Alcalà; infatti, il paese è famoso anche per la sua tradizione accademica. Ti consiglio di visitare il Colegio Mayor de San Ildefonso y Rectorado de la Universidad de Alcalá per ascoltare la storia e le leggende su questa istituzione. All’interno potrai vedere anche la sala dove, ogni anno, viene consegnato il Premio Miguel de Cervantes, il più alto riconoscimento per la letteratura in lingua spagnola. Tornando in paese, potrai accedere alla casa dove è cresciuto il padre del Don Quijote (Museo Casa Natal de Cervantes).


ARANJUEZ

Aranjuez (1)
Jardin de la Isla (@ph. A. Fortini)
Faccio subito una premessa: questa gita è stata la più rilassante in assoluto! Mi ero già informata e avevo scoperto che questo paesino è tappezzato di splendidi giardini: sono stati proprio loro la principale attrazione di questa fuga da Madrid!
Per raggiungere Aranjuez, puoi prendere la linea C-3 del Cercanias; in poco tempo sarai a destinazione e i treni sono comodi, puliti e dotati di aria condizionata in estate!
Questo paesino, collocato nei pressi del fiume Tago, è famoso per essere custode di una grande tradizione reale. Infatti, di fronte a un’ampia piazza ellittica, si erige l’imponente Palacio Real de Aranjuez, costruito durante il regno di Felipe II. Girando attorno al palazzo, si arriva nella Plaza de Parejas e al sognante Jardin del Parterre.
La parte che mi ha colpito maggiormente, però, è quella dei giardini reali più estesi: Jardin de la Isla e Jardin del Principe. Fontane, pavoni, piante e alberi di ogni genere, specchi d’acqua con cigni e paperelle: tutto ricorda le favole per bambini! Concediti qualche minuto per passeggiare lungo i sentieri e ascoltare i suoni rilassanti della natura. Poi attraversa Plaza de San Antonio e ammira la Iglesia de San Antonio de Padua che chiude la piazza con i suoi caratteristici portici. Pochi metri più avanti, se ti è venuta fame, entra nel Mercato de Abastos e siediti in uno dei locali interni per mangiare qualcosa!


CUENCA

Cuenca (2)
Puente de San Pablo (@ph. V. Strippoli)
Cuenca è la capitale della comunità autonoma Castiglia-La Mancha. Di fondazione romana, si divide oggi in due zone: quella inferiore più moderna e quella superiore più antica e dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Per arrivarci, puoi prendere un autobus della compagnia Avanza con partenza da Estacion Sur de Autobuses o il treno ad alta velocità Renfe da Atocha. Prima di entrare nella parte storica, fermati nei pressi del Parador de Turismo e guarda il Puente de San Pablo, le Case sospese sul fiume Huécar e i primi edifici dal sentore medievale. Entrando nel cuore di Cuenca, passa per Plaza Mayor e visita la Catedral de Santa María y San Julián de Cuenca, sede vescovile gotica costruita tra il 1196 e il 1257. Da questa piazza si diramano mille stradine, scalinate tra muri di pietra e passaggi sotterranei che conducono ad altre piccole chiese e a case immerse nella storia.
Se hai tempo, corri a esplorare La Ciudad Encantada, a 30 kilometri da Cuenca. Rivolgendosi agli uffici turistici della cittadina è possibile prenotare un taxi o un pulmino che ti porterà nel parco naturale abitato da ammassi rocciosi che ricordano animali e oggetti.


SALAMANCA

Salamanca2017 (108)
Plaza Mayor de Salamanca
Salamanca è stata forse la gita che ho preferito tra tutte! Si trova nella comunità di Castiglia y Léon; è facilmente raggiungibile da Madrid con un autobus Avanza da Estacion Sur o con un treno Renfe da Chamartin. La prima cosa che mi ha colpito è stato il monocromatismo che caratterizza tutta la cittadina: un color giallo-marroncino, di quelli che ricordano i film medievali e la consistenza della polvere di terra. Il centro storico è un gioiellino a misura d’uomo ed è popolato da tanti ragazzi universitari; la Universidad de Salamanca è forse una delle più suggestive università del mondo e la più antica di Spagna. Ecco perché come prima tappa imprescindibile devi salire sulla torre della Iglesia de Espiritu Santo annessa a la Universidad Pontificia: dalla cima, potrai ammirare tutta la città di Salamanca! Appena fuori dalla torre, fermati a guardare la Casa de las Conchas: tante conchiglie (simbolo dell’ordine di San Giacomo di Santiago de Compostela e dei pellegrini che affrontano il cammino omonimo) adornano il muro di questo edificio di fine Quattrocento; oggi ospita la biblioteca pubblica di Salamanca.

Adesso ti lancio una sfida: trova la rana! Non ti posso dire come e dove trovarla ma ti lascio un indizio: guarda in alto di fronte alla Escuela Mayores de la Universidad de Salamanca!

Seguendo le stradine interne, arriverai facilmente alla zona delle cattedrali. Non lasciarti ingannare: la Catedral Nueva e la Catedral Vieja sono connesse interiormente e basta entrare nella prima per accedere poi alla seconda. La Catedral Nueva, in stile gotioco e costruita tra il 1513 e il 1733, è monumento nazionale.

Anche qui c’è una sfida da superare! Trova sulla facciata: il coniglio nero (e strofinalo perché porta fortuna!), un astronauta e un drago che tiene un gelato in mano!

Altra tappa fondamentale è Plaza Mayor: come avrai capito, quasi ogni città spagnola ha la sua piazza mayor. Quella di Salamanca è incredibilmente uguale alla Plaza Mayor di Madrid: circondata da facciate di palazzetti decorati con piccoli balconcini, pressoché rettangolare e invasa da tavoli e ombrelloni dei locali che vivono sotto il porticato. Infine, per concludere il tour di Salamanca, esci dal centro storico e passeggia sul Puente romano, superando il fiume Tormes.


SAN LORENZO DE EL ESCORIAL – MONASTERIO

El Escorial (2)
Il monastero di San Lorenzo de El Escorial
Ti sei svegliato tardissimo? Nessun problema! Puoi dedicare mezza giornata a esplorare il Monasterio de San Lorenzo de El Escorial. Raggiungerlo è molto semplice: puoi prendere la linea C-3 del Cercanias di Madrid o le linee autobus 661/664 con partenza da Moncloa; la prima soluzione ti lascerà a pochi minuti a piedi dal monastero mentre la seconda opzione ti farà scendere a 200 metri dalla biglietteria.
Il grande edificio di granito racchiude in sé una storia di lunga data. Il re Felipe II lo fece costruire come residenza e pantheon dei reali spagnoli nella seconda metà del Cinquecento. Al suo interno troverai anche sale da concerto, biblioteche e una basilica. Ho trovato molto bello il giardino che corre lungo due lati dell’edificio: piante curatissime e forme geometriche si fondono con il panorama e con un grande specchio d’acqua abitato da cigni e pesci; sembra di passeggiare al fianco di nobili donzelle d’altri tempi durante tiepidi pomeriggi primaverili. Nota bene: il monastero è chiuso il lunedì!


Queste sono le nostre proposte per passare una giornata diversa a pochi kilometri da Madrid. Abbiamo sperimentato tutto, dagli spostamenti ai monumenti descritti! Ora tocca a te farci sapere qual è il tuo luogo preferito tra questi oppure dirci se avresti scelto altre mete. Aspettiamo tue notizie!

Ti è venuta voglia di partire?

0 Replies to “Cosa c’è nei dintorni? Madrid 4.0”

  1. Le mete che avete individuato sono una più bella dell’altra. Personalmente sceglierei di vedere quelle che non ho visitato: Alcala, Aranjuez e San Lorenzo. Suggerisco di fare un salto ad Avila, Segovia e Mota del Cuervo. Però non conosco i collegamenti con Madrid, io l’ho visitate on the road 🤗

  2. Grazie mille, siamo felici che ti siano piaciute le mete! Abbiamo visitato molti luoghi della Spagna ma quelli che hai citato tu ci mancano: bisogna rimediare!
    Grazie per il tuo feedback! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *