5 cose da non perdere a Perugia!


Italia / lunedì, agosto 21st, 2017

Quando si è sommerse da lavoro e studio, l’unica possibilità è quella di concedersi qualche breve gita fuori porta. Così abbiamo deciso di trascorrere due giorni tra Perugia ed Assisi, a solo un paio di ore di macchina dalla nostra città, Roma.
In questo articolo vogliamo dirti cosa devi assolutamente visitare se vuoi passare una giornata a Perugia.

Iniziamo!

1. Visita la Rocca Paolina

Se arrivi in macchina, ti consigliamo di parcheggiare vicino allo stadio, a Pian di Massiano: c’è un grande parcheggio gratuito vicino alla fermata del mini-metro che ti porta in centro. Per noi, la sfortuna ha voluto che il mini-metro fosse chiuso a causa di lavori di ordinaria manutenzione (ogni anno, le prime due settimane di agosto); la soluzione alternativa è quella di prendere un autobus che, in venti minuti, ti porta in Piazza Italia. Ti renderai subito conto che questa piazza è circondata da edifici storici costruiti in seguito alla demolizione della Rocca Paolina, fortezza progettata dall’architetto Antonio da Sangallo, il quale prevedeva di inglobare il quartiere dei Baglioni e il Borgo di San Giuliano. Dalla piazza, tramite una scala mobile, si accede a quel che resta della rocca: infatti, dopo l’Unità d’Italia, la fortezza fu rasa al suolo e ad oggi sono sopravvissuti solo i sotterranei dell’antico palazzo papale.
Il nostro consiglio è: perditi tra i vicoli bui e il sali-scendi delle scale mobili che attraversano i vari piani su cui era costruita la fortezza. Poi risali e goditi la vista sui territori umbri dalla terrazza dei Giardini Carducci, costruita proprio su ciò che resta della vecchia fortezza.

Perugia2017 (8)
Giardini Carducci

2. Passeggia lungo Corso Vannucci

Una volta lasciati i Giardini Carducci, inizia a passeggiare per il corso principale che collega Piazza Italia a Piazza IV Novembre; qui potrai ammirare la Cattedrale di San Lorenzo e il Palazzo dei Priori. Lasciati travolgere dai vicoletti che si diramano dal Corso Vannucci e percorri le stradine senza criterio: resterai sorpreso da alcuni scorci!

Perugia2017 (28)
Corso Vannucci

3. Visita la Cattedrale di San Lorenzo

Quando avrai raggiunto la Piazza IV Novembre, chiamata anche Piazza Maggiore, sarà impossibile non notare la Fontana Maggiore posta nel mezzo. Immediatamente dietro quest’ultima, vedrai chiaramente la facciata laterale della Cattedrale di San Lorenzo e la Loggia di Braccio Fortebraccio. Nonostante ad un primo impatto visivo esteriore l’architettura possa risultare scarna e trasandata, l’interno della cattedrale stupisce per la sua maestosità. Tre navate alte quasi 25 metri e coronate da volte a crociera ti daranno il benvenuto nella cattedrale dedicata al diacono di Papa Sisto II martirizzato a Roma nel 258, San Lorenzo.

Perugia2017 (93)
Cattedrale di San Lorenzo e Fontana Maggiore

4. Goditi l’orchestra nella Sala dei Notari

Termina con calma il tuo giro all’interno della cattedrale e, poi, torna in Piazza IV Novembre rivolgendo lo sguardo al Corso Vannucci: così facendo, potrai ammirare il Palazzo dei Priori, un ottimo esempio di architettura gotica civile italiana. Sali la scalinata e entra, tramite un imponente portale, nella Sala dei Notari. Questa è una grande stanza rettangolare sormontata da otto importanti arconi decorati; deve il suo nome all’assemblea dei notai che, dal 1582, la usò come sede. Oggi ospita la maggior parte degli eventi cittadini e, in particolar modo, quelli musicali. Noi abbiamo avuto la fortuna di poter ascoltare le prove dell’orchestra che avrebbe tenuto un concerto in quei giorni. L’atmosfera era davvero speciale quindi, se hai modo, fermati qualche istante con le orecchie ben aperte!

Perugia2017 (92)
Portale d’ingresso alla Sala dei Notari

5. Concediti un aperitivo Dal Perugino 

Prima di concludere la giornata, devi fare una pausa aperitivo Dal Perugino in Piazza Matteotti! Abbiamo preferito non sostare sul corso principale e cercare un localino più piccolo e frequentato da gente del posto. Il risultato? Eccellente! Un crodino ghiacciato (per la gioia di Giulia!) e un tagliere di bruschettine e prodotti locali umbri (salumi, formaggi e patè) da leccarsi i baffi!

Ape2


Perugia deve il suo fascino alla storia, all’arte, alla musica e alla gastronomia e abbiamo dedicato il nostro tempo alla ricerca di ognuno di questi aspetti. Li abbiamo cercati a modo nostro, esplorando i vicoli meno turistici e ascoltando i suoni della città. Ecco perché abbiamo scelto queste cinque tappe per te!

Facci sapere se ti sono piaciute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *