Ljubljana in un giorno: cosa vedere


Europa, Slovenia / lunedì, ottobre 9th, 2017

Storia di come siamo finite in Slovenia.

(Primo e unico capitolo. Per ora!)

Tutto iniziò più o meno così: stavamo organizzando un mini-tour da Roma verso Trieste nei pochi giorni di ferie estive e ci siamo chieste Perché non oltrepassare il confine ed andare nella capitale slovena?

Così per caso, come tutto ciò che facciamo, ci siamo ritrovate a trascorrere un giornata a Ljubljana. Le aspettative forse non erano altissime ma dobbiamo dirti che siamo rimaste piuttosto sorprese dalla città: un piccolo gioiellino curato nei minimi dettagli, in cui si respira un’atmosfera più che piacevole!

Eccoci pronte a dirti cosa non perdere in questa città!


#1 IL CASTELLO

Sito sopra un colle nel centro della città, il Castello di Ljubljana è una delle principali attrazioni. Ricostruito nel 1960 in stile medievale dentro le fortificazioni preesistenti, oggi presenta vari allestimenti storici, un’esposizione sulla storia slovena, le carceri del tempo, alcune mostre artistiche e il Museo delle Marionette. Ciò che maggiormente ci ha colpito è il connubio tra la parte antica e la nuova struttura moderna (ogni tanto è inevitabile fare qualche osservazione da ingegneri!). Prima di scendere in città, non dimenticare di salire sulla torre panoramica: ti assicuriamo che la vista da lassù è sensazionale!
Il castello può essere raggiunto a piedi o tramite una funicolare situata dietro al mercato. Il prezzo per la visita al Castello comprensivo di funicolare è di 10€ per gli adulti e 7€ per bambini, pensionati e studenti.

Lubiana2017 (61)
Vista panoramica dalla torre del castello

#2 IL MERCATO CENTRALE

Proprio ai piedi del castello, dove parte la funicolare, si svolge il mercato centrale. Composto da una parte all’aperto e da due zone al coperto, per gli abitanti della città il mercato non è solo un luogo dove fare compere ma un ambiente dove incontrarsi e scambiare due chiacchiere passeggiando tra i banchi degli alimenti. Nel mercato all’aperto si vendono frutta fresca, frutta esotica, verdura, fiori e piante; in quelli al coperto, invece, puoi trovare insaccati di carne, carne fresca, formaggi, pane, dolci casarecci, biscotti, spezie, frutta secca, olio di oliva ed olio di semi di zucca. Tutti prodotti locali!
Per la serie “facciamo un po’ di ingegneria/architettura”: una delle due zone al coperto fu costruita intorno al 1940 grazie alla mano dell’architetto Jože Plečnik; la forma della struttura segue il corso del fiume che attraversa la città. Qui puoi trovare del pesce fresco e varie erbe medicinali!

Lubiana2017 (35)
Frutta e verdura al mercato centrale

#3 CATTEDRALE DI SAN NICOLA

La cattedrale fu costruita tra il 1701 e il 1706 in stile barocco, a seguito della decisione di abbattere la precedente chiesa gotica probabilmente bruciata dai Turchi nel 1469. Progettata dall’architetto gesuita Andrea Pozzo, la cattedrale presenta un pianta a croce latina con delle cappelle laterali. Nel 1841 fu completata con una cupola sul transetto, affrescata qualche anno dopo, la quale sostituì la falsa cupola progettata inizialmente. Molto interessante è la porta bronzea d’ingresso, aggiunta nel ventesimo secolo, sulla quale fu scolpita la storia slovena in occasione del 1250° anniversario del cristianesimo in Slovenia. È l’unica cattedrale presente nella città e, quindi, è facilmente riconoscibile grazie alle due torri e alla cupola verde che svettano tra i tetti.


#4 I PONTI

La città è attraversata dal fiume Ljubljanica; non possono mancare certo i ponti! Tra i più importanti, in ordine percorrendo il lungofiume:

  • IL PONTE DEI DRAGHI, ponte carrabile all’altezza del mercato centrale, che delimita l’area pedonale del centro. Fu costruito nei primi anni del XX secolo, in sostituzione di un ponte di legno dell’Ottocento distrutto dal terremoto del 1895. La città faceva ancora parte dell’impero austro-ungarico, per questo il ponte riprende lo stile della secessione viennese ed è uno dei migliori esempi di ponte in cemento armato (non dimenticare che siamo ingegneri!). Il ponte prende il nome dalle sue decorazioni con statue a forma di drago, fabbricate a Vienna.

    Lubiana2017 (69)
    Uno dei draghi sul ponte omonimo
  • IL PONTE DEI MACELLAI, inaugurato nel 2010, esso prevede una rivisitazione in chiave moderna del precedente ponte progettato nel 1930 dall’architetto Jože Plečnik. Da notare: la scalinata di accesso al ponte, le lastre di vetro come pavimentazione ai due lati longitudinali e le recinzioni con fili di acciaio su cui (ahimè!) gli innamorati attaccano i lucchetti.
  • IL TRIPLO PONTE, progettato da Giovanni Picco nel 1842 per sostituire il precedente in legno del 1280 (che era importantissimo perché collegava l’Europa occidentale con i Balcani). Successivamente, intorno agli anni trenta del Novecento, Jože Plečnik aggiunse i due ponti laterali destinati ad uso pedonale e le balaustre con sopra dei lampioni che andavano a sostituire la precedente ringhiera in metallo del ponte centrale. Interamente restaurato nel 1992, oggi il ponte rientra nella zona pedonale della città.
  • IL PONTE DEI CALZOLAI, uno dei più antichi della città, prende il nome dai calzolai che nel Medioevo avevano lì le loro botteghe. Inizialmente era in legno, poi fu sostituito nel 1867 con un ponte in ghisa a causa dei troppi interventi di manutenzione che dovevano esser fatti per inondazioni o incendi; infine nel 1931 fu sostituito su progetto di Jože Plečnik. Caratteristica è la balaustra composta da un alternarsi di colonnine e colonne di varia grandezza con delle sfere in cima e da due colonne centrali più basse con lampade.

    Lubiana2017 (115)
    Il Ponte dei Calzolai

#5 LE PIAZZE

  • PIAZZA PREŠEREN caratterizza insieme al Triplice Ponte l’accesso al centro storico della città. Nel XVII, a seguito della costruzione della chiesa francescana dell’Annunciazione, la piazza iniziò ad assumere l’aspetto che presenta oggi. Solo a metà del XIX secolo, quando le mura della città furono abbattute, il pavimento fu interamente lastricato e dopo il terremoto del 1895 la piazza fu concepita come l’incrocio di quattro grandi strade. Inoltre, molte case medievali furono sostituite da edifici nuovi e la piazza fu inglobata nell’area pedonale della città. Il nome deriva dal poeta romantico sloveno Prešeren, a cui é dedicata una statua che lo rappresenta di fronte al triplice ponte. Ciò che maggiormente ci ha colpito sono i disegni a terra da cui fuoriescono degli spruzzi d’acqua…se non ci tieni a bagnarti, fa attenzione a dove cammini!

    Lubiana2017 (102)
    Piazza Prešeren
  • PIAZZA DEL CONGRESSO, pensata per ospitare il Congresso della Santa Alleanza nel 1821, oggi é sede del palazzo dell’Università, del palazzo della Filarmonica slovena e della più antica casa editrice del Paese. Inoltre sulla piazza affacciano il palazzo classicista Kazina e il parco Zvezda, il quale si estende su gran parte della piazza. Il parco era sede di una necropoli romana e se ne possono scorgere ancora oggi dei resti.
  • PIAZZA CIVICA, importante perché qui ha sede il Municipio con i due palazzi ad esso adiacenti, acquistati dalle autorità civiche nei secoli XVII e XVIII. Qui spesso vengono allestite delle mostre di arte contemporanea; non dimenticare di entrare se passi di lì! Oltre ai palazzi rinascimentali e barocchi, a caratterizzare la piazza contribuisce la famosa Fontana dei tre fiumi carnoliani, eretta da Francesco Robba alla fine della prima metà del settecento, su esempio delle fontane romane del Bernini.

    Lubiana2017 (28)
    La Piazza Civica e la fontana

#6 KLOBASARNA

Se ti trovi vicino al Municipio e sei affamato, concediti un pasto veloce da Klobasarna. Non puoi non notare la salsiccia gigante appesa in alto all’ingresso del locale! Qui potrai mangiare le tipiche salsicce slovene, kranjska klobasa, accompagnate da salse e pane; se sei coraggioso, potrai assaggiare anche il tipico dolce sloveno, lo Štruklji, un rotolo di pasta ripieno di mele, crema di formaggio, noci e cose indefinite (a noi non è piaciuto ma non siamo amanti di dolci!).

Lubiana2017 (47)
Kranjska klobasa

#7 IL LUNGOFIUME

Ciò che ci ha affascinato maggiormente di questa città è stato proprio il lungofiume: un’area pedonale curata nei minimi dettagli, in cui si possono assaporare stralci di vita sloveni. Passeggia lungo il fiume e guardati intorno, resterai sorpreso dai numerosi scorci pittoreschi! Non dimenticare di sederti in uno degli infiniti locali che occupano le sponde del fiume per fare uno spuntino e sorseggiare uno smoothie; da qui potrai osservare la città con i suoi ponti riflessi nel fiume e respirarne appieno l’atmosfera.

Lubiana2017 (117)
Lungo la sponda del fiume Ljubljanica

#8 PARCO TIVOLI

Da Piazza Prešeren, prendi Copova Ulica (la via principale della città, dove puoi trovare i negozi e i fast food, per intenderci) e procedi verso Parco Tivoli per concederti una passeggiata in mezzo al verde e magari un riposino! Con i suoi viali alberati, i fiori, le statue, le fontane, lo stagno, il giardino botanico, il campo giochi per bambini e il percorso con attrezzi sportivi, è il parco più grande e bello della città. Lungo il viale principale (Passeggiata Jakopič) potrai trovare delle esposizioni fotografiche all’aperto, e nella serra del giardino botanico, ammirare la mostra di piante carnivore e tropicali. Il parco inoltre accoglie numerosi impianti sportivi, sedi di grandi manifestazioni e concerti.

Lubiana2017 (103).JPG
Il Parco Tivoli

Passare una giornata nella capitale slovena è stato a dir poco rilassante e sorprendente. Se pensi che il confine italiano è a due passi, ti rendi conto di quanto le differenze debbano essere un valore forte e non una barriera. Abbiamo trovato un popolo schietto, legato alle proprie tradizioni, fiero di respirare quell’aria intrisa di storia. Ci siamo lasciate catturare da sapori e odori nuovi (piacevoli o meno), abbiamo vissuto per un giorno tra le strade di una città particolarissima e ci siamo rese conto che bastano davvero pochi kilometri per uscire dagli standard di vita italiani.
L’unico rimpianto? Non aver avuto il tempo di visitare il Lago di Bled e le Gole di Vintgar. Ma stai pur certo che torneremo!

Vieni con noi?

 

0 Replies to “Ljubljana in un giorno: cosa vedere”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *